Tutte le scadenze fiscali da ricordare a giugno 2024

10 Giu 2024

Giugno 2024 porta con sé un calendario fitto di scadenze fiscali importanti per imprese, professionisti e cittadini. Dall’IMU all’IVA, dai contributi Inps all’assegno unico, ecco una panoramica completa per non farsi trovare impreparati!

17 giugno: IMU, IVA, contributi e altre scadenze

Prima data importante da ricordare è il 17 giugno perché porterà con sé diverse scadenze:

  • IMU: scade il termine per il versamento dell’acconto IMU (Imposta Municipale Unica) per il 2024. L’imposta riguarda i proprietari di immobili, ad eccezione delle prime case e dei terreni agricoli;
  • IVA: le associazioni senza scopo di lucro in regime agevolato devono versare l’IVA relativa al mese precedente;
  • Contributi Inps: scadono i versamenti dei contributi Inps per i collaboratori, i lavoratori dipendenti e la gestione separata;
  • Condomini: i condomini che operano come sostituti d’imposta devono versare le ritenute a titolo di acconto sui corrispettivi pagati nel mese precedente;
  • Imposta sugli intrattenimenti: scade il versamento mensile dell’imposta sugli intrattenimenti.

20 giugno: Contributi FASC per imprese di spedizione e agenzie marittime

Le aziende di spedizione e le agenzie marittime che seguono i contratti collettivi nazionali di autotrasporto merci e logistica, così come le agenzie marittime e aeree, devono pagare i contributi del mese precedente al Fondo Agenti Spedizionieri e Corrieri (FASC).

25 giugno: Modello Intra per le operazioni intracomunitarie

Il termine per la presentazione del Modello Intra per le operazioni intracomunitarie di vendita e acquisto effettuate a maggio scadrà il 25 di giugno.

29 giugno: Termine lungo per il bilancio d’esercizio

Il termine finale per la presentazione del bilancio d’esercizio per le aziende, che hanno 180 giorni di tempo dalla chiusura dell’esercizio per motivi specifici previsti dallo statuto, è il 29 giugno.

30 giugno: Domanda per l’assegno unico e universale

Chi non ha ancora presentato la domanda per l’assegno unico e universale per i figli a carico ha tempo fino al 30 giugno per ottenere anche gli arretrati spettanti da marzo 2024. Per le domande presentate dopo il 30 giugno, l’assegno decorre dal mese successivo e l’importo viene calcolato in base all’ISEE al momento della domanda.

Come fare domanda per l’assegno unico? La domanda per l’assegno unico può essere presentata online sul sito dell’Inps tramite SPID, CIE o CNS, oppure tramite contact center o enti di patronato.

Ulteriori scadenze fiscali a giugno 2024

Oltre alle scadenze principali, ci sono altre date da tenere a mente a giugno 2024:

  • Rottamazione quater: per chi ha aderito alla rottamazione quater, il 5 giugno è stato l’ultimo giorno utile per pagare le rate senza incorrere in interessi e sanzioni;
  • Dichiarazione 730: il 17 giugno scade il termine per i sostituti d’imposta e i CAF per consegnare ai contribuenti la ricevuta di presentazione della dichiarazione 730.