Novità per i Bonus Casa 2024: ecco cosa c’è da sapere

9 Gen 2024

L’anno nuovo è arrivato e con esso sono arrivate le modifiche per i bonus edilizi 2024. Se stai pensando di effettuare lavori nella tua abitazione, sia che si tratti di lavori su unifamiliari o interventi in condominio, ci sono molte cose da tenere a mente. Questo include il superbonus, la cessione del credito e molte altre novità.

Per sfruttare al meglio i bonus casa 2024, è importante conoscere le agevolazioni confermate per il nuovo anno, quelle che sono state modificate e anche quelle che non saranno più utilizzabili. Scopri tutto quello che c’è da sapere per ottenere i massimi vantaggi.

Superbonus

Il programma Superbonus 2024 prevede alcuni importanti cambiamenti. La detrazione disponibile scenderà dal 90% del 2023 al 70%. Inoltre, la Legge Finanziaria 2024 imporrà un’imposta del 26% sulle plusvalenze realizzate con la vendita di un’abitazione ristrutturata con il Superbonus 110. C’è anche un decreto, approvato dal Consiglio dei Ministri il 28 dicembre 2023, che prevede una regolarizzazione per i cantieri già avviati nel corso del 2023, ma solo per chi possiede specifici requisiti. Inoltre, è stato approvato un contributo straordinario per le famiglie a basso reddito.

Ecobonus 2024: Guida al pacchetto Bonus Casa

Nell’ambito del pacchetto Bonus Casa 2024, l’Ecobonus è una detrazione fiscale che può essere utilizzata per un periodo di dieci anni in sede di dichiarazione dei redditi. La percentuale di detrazione può variare dal 50% al 75% in base al tipo di lavori effettuati. Dal 17 febbraio 2023 entrerà in vigore il “decreto Cessioni”, che vieta di optare per lo “sconto in fattura” o la cessione del corrispondente credito d’imposta per gli interventi di efficienza energetica previsti dall’articolo 14 del Dl 63/2013.

Il Bonus Ristrutturazione: Prorogato fino al 2024

Il governo Meloni ha esteso la validità del bonus ristrutturazione fino al 2024 attraverso la Legge di Bilancio. La detrazione fiscale Irpef del 50% è concessa per i lavori di rinnovamento dell’edilizia. La detrazione può essere suddivisa in 10 anni e applicata in quote uguali al 50% delle spese sostenute per la manutenzione ordinaria e straordinaria. Il tetto massimo di spesa è di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare.

Capire come funziona il Bonus Infissi 2024

Molti credono che esista un bonus specifico per gli infissi, ma in realtà non è così. Tuttavia, è possibile comunque ottenere delle agevolazioni per la sostituzione degli infissi. Ci sono due opzioni principali: l’ecobonus e il bonus ristrutturazione. Entrambi garantiscono uno sconto del 50% sulla spesa.

Sismabonus: agevolazioni fiscali per interventi di prevenzione sismica

Il Sismabonus è un’agevolazione fiscale che offre vantaggi significativi per gli interventi di prevenzione sismica. Se le spese sono state sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2024, è possibile ottenere una detrazione del 50% su una spesa massima di 96.000 euro per unità immobiliare, ripartita in 5 quote annuali uguali. Se gli interventi effettuati riducono il rischio sismico di 1 o 2 classi, la detrazione sale al 70% o all’80%. Se l’intervento è stato effettuato in parti comuni di un edificio condominiale, la detrazione è pari all’80 o all’85% (supersismabonus).

Bonus Verde: Tutto quello che c’è da sapere

Il Bonus Verde è un incentivo fiscale pensato per promuovere la manutenzione di giardini, terrazze e aree aperte che fanno parte di immobili residenziali. Offre uno sconto del 36% su spese fino a 5.000 euro, suddivise in dieci rate annuali di pari importo. Tuttavia, è importante notare che alcune spese non possono beneficiare del Bonus Verde 2024, come ad esempio:

  • manutenzione ordinaria di giardini esistenti senza modifiche innovative
  • Acquisto di attrezzature specifiche come pale, picconi e tosaerba.
  • Interventi di manodopera del proprietario della casa.

Bonus mobili 2024: novità e cambiamenti

Dal 1° gennaio 2024, il bonus mobili (o bonus elettrodomestici 2024) subirà alcune modifiche rispetto agli anni precedenti. Il limite massimo delle spese agevolabili per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, destinati ad arredare immobili oggetto di interventi di ristrutturazione e recupero del patrimonio edilizio, sarà ridotto a 5.000 euro. Dall’anno precedente, invece, l’importo massimo detraibile era pari a 8.000 euro.

Il Bonus Barriere Architettoniche 2024: a chi è rivolto e come funziona

Il Bonus Barriere Architettoniche 2024 può essere richiesto per la realizzazione di interventi che mirano all’eliminazione di barriere architettoniche verticali, come scale, rampe, ascensori, servoscala e piattaforme elevatrici, ma solo per edifici preesistenti. Questo beneficio fiscale offre una riduzione del 75% sul costo totale dell’intervento.

Il Bonus Facciate nel 2024: Cosa Sapere

Non ci sono notizie riguardanti il Bonus Facciate per il 2024. Come hai già saputo, la manovra di Bilancio del 2021 ha ridotto il beneficio dal 90% al 60%, prima di prorogarlo fino al 31 dicembre 2022. Tuttavia, il Bonus Facciate è già stato eliminato nel 2023 e non sarà possibile detrarre le spese relative ai lavori eseguiti sulle facciate neanche nel 2024.