Cosa si intende per “tasso soglia” e come si calcola

5 Feb 2024

Tasso Soglia o usura Bancaria?

In Italia esiste un limite per i tassi di mutui e prestiti al di sopra del quale si commette il reato di usura, definito dall’articolo 644 del Codice Penale e modificato dalla legge 108 del 7 marzo 1996. Questo limite è chiamato “tasso soglia” ed è un parametro che può essere calcolato e monitorato.

Ma quando si può considerare che si stia commettendo usura bancaria e come si calcola il tasso soglia? Scopriamolo di seguito.

Il concetto di Tasso Soglia

Se si richiede un mutuo o un prestito, è possibile controllare il Tasso Soglia per assicurarsi che non sia stato applicato un tasso usurario. Questo non deve essere confuso con il tasso alto.

Per ogni prestito richiesto, il tasso di interesse è il prezzo da pagare. Esiste un limite massimo per ogni trimestre che viene stabilito dalla Banca d’Italia e viene chiamato Tasso Soglia. Se il tasso di interesse supera questo limite, allora si considera tasso usurario.

La Banca d’Italia rileva il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) degli interessi applicati dalle banche e dalle società finanziarie italiane ogni tre mesi. I decreti per la rilevazione dei tassi trimestrali e i decreti tassi usura possono essere consultati sui siti web della Banca d’Italia e del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF).

Inoltre, la legge 108/1996 ha istituito il Fondo per la prevenzione del fenomeno dell’usura, gestito dal Dipartimento del Tesoro tramite i Confidi, le Fondazioni e le Associazioni. Lo scopo è di fornire un accesso più semplice al credito per le imprese e le famiglie, al fine di evitare di doversi rivolgere agli usurai.

Come si effettua il Calcolo del Tasso Soglia

La soglia oltre la quale si può parlare di tasso usurario è stabilita dall’articolo 2 della legge numero 108 del 1996, con aggiornamenti del decreto legge numero 70 del 13 maggio 2011 che ha introdotto un nuovo metodo di calcolo del tasso di usura. Per ottenere il tasso soglia, è necessario aumentare del 25% il TEGM e aggiungere 4 punti percentuali al risultato ottenuto.

Eccone un esempio pratico

Per comprendere il tasso usurario di un mutuo, ecco un esempio calcolato. Secondo l’ultima rilevazione del trimestre luglio-settembre 2023, il tasso fisso medio di un mutuo è del 5,38%.

Per calcolare il 25% di 5,38%, moltiplicare 5,38 per 25 e dividere il risultato per 100. Il risultato è 1,345.

Aggiungere 1,345 (il 25%) a 5,38 (tasso medio) per ottenere 6,725.

Infine, aggiungere altri 4 punti percentuali al risultato ottenuto: 6,725 + 4 = 10,725.

In conclusione, il tasso soglia nel nostro esempio è del 10,72%. Oltre questa percentuale, il tasso di interesse può essere considerato illegale.